Protezioni per la testa: Livelli di sicurezza ottimali con i caschi di protezione

Proteggere dai pericoli la delicata area della testa

La testa è una delle parti più vulnerabili del corpo umano. Diversi fattori fisici esterni possono danneggiare non solo la pelle e le ossa, ma anche e soprattutto il cervello con le sue funzioni vitali. L’uomo già secoli fa inventò le protezioni per la testa per ripararsi da questi fattori, ma gli elmetti di sicurezza specifici e quindi caschi di protezione per uso industriale, come li conosciamo oggi, arrivarono tuttavia solo durante l'epoca dell'industrializzazione. Nell’ambiente di lavoro moderno, i caschi di protezione sono indispensabili in svariate aree a rischio. Tali rischi possono essere suddivisi in cinque gruppi:

  • Meccanici: caduta di oggetti, carichi sospesi, urti.
  • Chimici: spruzzi di liquidi chimici.
  • Termici: spruzzi di metallo fuso, scintille, radiazioni termiche, liquidi caldi, condizioni atmosferiche.
  • Ottici: radiazioni UV.
  • Elettrici: archi voltaici di disturbo.

Proteggersi da questi pericoli è molto importante per evitare incidenti sul lavoro.

Diverse tipologie di DPI per la testa e il viso

Caschi di protezione

Protezioni per il viso

Berretti antiurto

Maschere per saldatura

Caschi di protezione

Esistono tre diversi tipi di casco: dritto (1), dritto con gocciolatoio (2), e con proteggi nuca ribassato e gocciolatoio (3). I caschi di protezione industriali sono realizzati in termoplastica o in plastica termoindurente, e ognuno di essi possiede diverse proprietà e campi d’applicazione nell’edilizia, nell’industria, in ambienti di lavoro con temperature elevate e nell’elettrotecnica. Informazioni più dettagliate sono disponibili sull'etichettatura del casco. Sono inoltre presenti caschi con forme speciali come quelli per l’arrampicata e l’ambiente forestale.

Panoramica delle diverse forme di calotta:

Tipologie di materiale dei caschi di protezione industriali:

Etichettatura:

  1. Sigla “CE”
  2. Numero d’identificazione a 4 cifre dell’organismo notificato
  3. Identificazione del produttore
  4. Anno e trimestre di produzione
  5. Denominazione del tipo del produttore
  6. Normativa applicata
  7. Materiale utilizzato per il casco
  8. Dimensioni o gamma di dimensioni in cm
  9. Ulteriore etichettatura secondo DIN EN 397

  • LD (Lateral Deformation - deformazione laterale): pericolo causato da carico laterale
  • MM (Molten Metal - metallo fuso): pericolo causato da spruzzi di metallo fuso
  • 440 V AC pericolo causato da un breve contatto accidentale con la tensione alternata fino a 440 V
  • + 150 °C impiego con temperature molto elevate
  • −20 °C o −30 °C impiego con temperature molto basse

Protezioni per il viso

Le protezioni per il viso sono particolarmente importanti nel caso in cui durante il lavoro si entri in contatto con veloci particelle volanti, schizzi di metallo, prodotti chimici o archi voltaici di disturbo. Questi dispositivi sono composti da una visiera di protezione trasparente che si può fissare direttamente ad un casco o ad un altro supporto per la testa.

Berretti antiurto

La forma dei berretti antiurto si ispira ai cappellini da baseball. Con il loro inserto in plastica offrono una leggera protezione per la testa, ad esempio contro oggetti appuntiti inanimati. Non devono essere impiegati al posto dei caschi protettivi industriali.

Maschere per saldatura

La saldatura comporta dei rischi che includono temperature molto elevate dalle quali i dipendenti devono proteggersi. La maschera da saldatura protegge interamente la testa e il viso dalle radiazioni, dal calore e dalle scintille. Grazie alla visiera integrata con filtro per saldatura, il lavoratore può vedere la propria postazione di lavoro. Le moderne maschere automatiche da saldatore sono dotate anche di diversi livelli di oscurità, che permettono di eseguire diversi tipi di saldatura. Sotto la maschera possono essere indossati berretti o cuffie in cotone ignifugo.

Accessori

I singoli componenti delle protezioni per la testa e per il viso devono essere sostituiti regolarmente, sia per motivi di igiene, sia in caso di danneggiamento. I componenti necessari per completare l’attrezzatura includono ad esempio:

Avete domande? I nostri esperti saranno felici di aiutarvi:

Criteri di scelta per le protezioni di testa e viso

Sicurezza

Per la protezione di testa e viso si possono scegliere tra diversi prodotti, a seconda dell’attività e dei fattori esterni, ma il più importante criterio di selezione è la sicurezza. I caschi di protezione per l’edilizia devono avere requisiti diversi rispetto ai caschi di protezione per l’industria, per ambienti ad elevata temperatura o l’elettrotecnica. Questo è il motivo per cui nell’industria edile, nell’assemblaggio, nelle officine meccaniche e nell’industria alimentare sono utilizzati i caschi realizzati in termoplastica, la quale può essere un polietilene ad alta pressione (HD-PE) o un copolimero ABS (ABS). Al contrario, le protezioni per la testa nell’industria metallurgica, chimica, nei cantieri, nella fornitura di energia e di gas sono prodotte in Duroplast, una plastica termoindurente che può essere composta ad esempio da una resina sintetica in poliestere con fibra di vetro o da una resina fenolica sintetica per trattamenti tessili. Questi materiali sono particolarmente resistenti all’invecchiamento, mantengono la loro dimensione fino a circa +200 °C e resistono alla rottura a basse temperature. Inoltre, proteggono il lavoratore dagli schizzi di metallo liquido fino alla deformazione laterale e resistono in maniera ottimale alle sostanze chimiche. I caschi per elettricisti proteggono anche dagli archi voltaici.

Comfort nella vestibilità e durata

Come ogni prodotto facente parte dei dispositivi di protezione individuale, le protezioni per testa e viso possono suscitare disturbo al lavoratore, a causa, per esempio, del peso aggiuntivo o del campo visivo ristretto. Questo è il motivo per cui la comodità gioca un ruolo chiave nella scelta del dispositivo adeguato. Nei caschi di protezione industriali la bardatura interna (1) dovrebbe essere realizzata in materiale tessile e dovrebbe essere presente una fascia per saldatura (2). Inoltre, dovrebbero essere scelte solo le protezioni per la testa che consentano la regolazione individuale (3) (sezione 2 del regolamento sull’uso dei DPI). Per i caschi di protezione industriali, la regolazione di precisione della circonferenza sulla testa dell’utilizzatore è possibile grazie ad una regolazione precisa.

Caschi di protezione per la saldatura

Durante il lavoro di saldatura e taglio vengono prodotte delle pericolose radiazioni luminose, che possono provocare lesioni agli occhi come ustioni della retina o danni alla cornea. Per questo motivo è essenziale indossare dei dispositivi di sicurezza adeguati che offrano dei corretti livelli di protezione. I livelli di protezione del filtro di saldatura dipendono dal metodo di saldatura scelto e dalla corrispondente intensità di corrente. Ad esempio, per la saldatura al microplasma sono raccomandati fino a 9 livelli di oscurità (livelli 4-12), mentre per la saldatura a getto di plasma sono raccomandati 5 livelli (livelli 9-13).

Questa tabella suggerisce i livelli di oscurità più adatti del filtro nei vari processi di saldatura. A seconda delle condizioni d’uso è possibile scegliere il livello immediatamente più alto o più basso.

Ampia scelta di prodotti e consulenza per le protezioni della testa

La scelta dei dispositivi di protezione per tutti i dipendenti della propria azienda può risultare complessa. I nostri specialisti di DPI offrono un'assistenza personalizzata: vi consigliano individualmente in maniera professionale nell’analisi dei rischi, nella selezione dei prodotti, nei test d’usura e nei corsi di formazione per i vostri dipendenti. I nostri professionisti conoscono dettagliatamente gli effetti protettivi dei singoli dispositivi, sono informati sulle normative vigenti e hanno una visione d’insieme del mercato.

Caschi di protezione

Protezioni per il viso

Berretti antiurto

Maschere per saldatura

Nella nostra gamma di prodotti troverete una nostra selezione delle protezioni per testa e viso dai nostri produttori di fiducia. Come per gli utensili, anche nel campo dei DPI perseguiamo il nostro payoff: quality-driven since 1919.Il nostro programma comprende caschi di protezione , dispositivi di protezione per il viso , berretti antiurto , protezioni per la saldatura di altà qualità inclusi i relativi accessori.

Consigli sulla protezione di testa e viso

Acquista DPI per testa e viso su eShop

Norme legali importanti

Diversi standard tedeschi ed europei definiscono quali caratteristiche debbano avere i vari dispositivi di protezione per testa e viso. Queste includono:

  • DIN EN 397: Caschi protettivi industriali
  • DIN EN 812: Caschi antiurto industriali
  • EN 50365: Caschi elettroisolanti per operazioni all’interno di impianti a bassa tensione
  • EN 168: Metodi di controllo non ottici
  • EN 166: Vetro supplementare / vetro di osservazione trasparente

Le seguenti norme riguardano in particolare le protezioni per testa e viso per lavori di saldatura:

  • EN 169 sui filtri per lavori di saldatura
  • EN 175 sulle maschere per saldature
  • EN 379 sui filtri di saldatura automatici

FAQ - domande frequenti sulla protezione di testa e viso

Esistono dei caschi di sicurezza industriali specifici per persone che soffrono spesso di mal di testa?

Non esistono caschi di sicurezza speciali per persone che soffrono di mal di testa. Per ridurre il rischio di mal di testa si consiglia di scegliere un casco di sicurezza con alte prestazioni dal punto di vista ergonomico. Qui giocano un ruolo importante una buona vestibilità (che riguarda la misura della testa), un peso ridotto e una dotazione interna ben regolabile. Il meccanismo di regolazione con tappo a vite, rispetto ad una chiusura a scatto, ha il vantaggio di permettere una regolazione illimitata della bardatura interna sulla circonferenza della testa del lavoratore.

I caschi di protezione industriali possono essere marcati, riverniciati o o essere provvisti di etichette adesive?

Non è possibile perché il materiale del casco può essere danneggiato dalla vernice, dai solventi o dalle etichette adesive, compromettendo così la funzione protettiva del casco. Vengono fatte delle eccezioni esclusivamente su indicazione del produttore.

Quanto può durare un casco di protezione?

Questo dipende essenzialmente da due fattori: le condizioni e gli anni d’utilizzo del dispositivo. Se sul casco di protezione sono visibili difetti e danni o se il casco ha subito un forte colpo, il prodotto dovrebbe essere sostituito, in modo da garantire la sicurezza del dipendente sul lavoro. La funzione protettiva del casco si riduce con il tempo a causa di diversi fattori, che comprendono ad esempio gli elementi climatici, le radiazioni UV e l’inquinamento dell’aria. I caschi di protezione industriali realizzati in termoplastica dovrebbero essere sostituiti dopo quattro anni di utilizzo, mentre i caschi realizzati in Duroplast possono essere utilizzati tranquillamente anche per otto anni.

Avete domande? Desiderate un consulto in materia di DPI?

Con Hoffmann Group otterrete tutte le informazioni da un’unica risorsa:

  • Vi daremo i nostri consigli individualmente e in maniera personalizzata.
  • Analisi dei rischi, assistenza nella scelta dei prodotti, test d’usura, corsi di formazione e servizi speciali (programmi riguardanti i guanti e la pelle).

Contattaci ora

Nei dispositivi di protezione individuale sono inclusi anche: protezioni per gli occhi, protezioni per l’udito, protezioni per i piedi,, protezioni per le mani, abbigliamento di protezione, abbigliamento da lavoro, protezioni anti caduta e protezioni per la pelle.

Nel carrello

Al carrello
Al carrello